Votami

domenica 25 dicembre 2011

PANUZZI

I Panuzzi sono dei piccoli panini conditi a piacimento che prestano come snack  a metà giornata o durante un aperitivo,prepararli e seplice e divertente perchè si possono fare panuzzi di tutte le forme,Tortellini,ravioli,calzoni etc.
L'impasto prevede l'uso di 250 gr di farina di semola,acqua,sale,lievito di birra 15 gr un filo di olio d'oliva.
per il condimento potet utilizzare acciughe,pomodorin secchi,cappere e tutto ciò che vi passa per la testa.

Si crea la classica fontana,si aggiungono tutti gli ingredienti ad eccezione del sale e si impasta fino ad ottenere una palla aiutandosi con un pizzico di farina.

con un coltello si incide una croce e si ripone in una ciotola coperta con della pellicola,il tutto in un posto caldo ed umido.
quando raddoppia di volume si ferma la lievitazione tagliando in due l'impasto e riponendo a lievitare nuovamente.
a lievitazione ultimata si stende l'mpasto al mattarello,si condisce a piacere e si ripiega sui lati poi ri arrotola e si taglia delle dimensioni preferite.

in fine vanno in forno caldo fino a doratura.l'ideale sarebbe non tenerli troppo in forno sopratutto se ci mettete formaggi.

venerdì 23 dicembre 2011

Spezzatino di pollo alla Birra

Con l'arrivo del freddo tornano di attualità gli spezzatini di carne,il problema principale risiede nei lunghi tempi di cottura della carne,quando ho voglia di uno spezzatino ma non ho il tempo per il manzo,ripiego sul pollo che richiede circa mezz'ora in tutto e grazie ad alcuni accorgimenti,ha un gusto che ricorda le ricette della cucina centro europea.
Ingredienti: Peto di pollo a tocchetti circa 250 gr a persona,carota,sedano ,cipolla,farina,sale ,pepe rosmarino(la paprica potrebbe essere interessante),olio d'oliva.1 bottiglia di birra molto corposa.
Per le birre sono un pò fanatico,personalmente preferisco le belghe,in questa occasione ho usato una birra scura a doppia fermentazione che conferisce al piatto un sentore di affumicato ed un sapore ricco.

Si comincia facendo un trito di carote,sedano,cipolla che va rosolato in padella con un filo d'olio e messo da parte.
Il pollo va infarinato e rosalato in padelle con un filo d'olio,
Quando è ben sigillato si aggiunge il trito.
Per conferire un po di acidità al piatto ho aggiunto dei pomodori che ho precedentemente scottato e spellato.
Si aggiunge la birra e si lascia evaporare l'alcool

Si continua la cotture per alcuni minuti,il tempo dipende dalle dimensione dei tocchetti di pollo,ricordate il pollo deve essere cotto,ma evitate di farlo diventare "Stopposo" il segreto è :cotture brevi e prima che sia pronto,si spegne ,si mette il coperchio alla pentola e si lascia per alcuni minuti.
Prima di finire si introduce un rametto di rosmarino,si regola di sale e pepe ed il piatto è pronto.
Se avete particolarmente fame,potreste servire il pollo come un piatto orientale accompagnandolo con un riso Basmati(in questo caso un mix con riso selvatico).


mercoledì 21 dicembre 2011

Ravioli bigusto ricotta e pera

Vi  ho detto che sto frequentando un corso di cucina?ebbene si e dopo il filetto alla Wellington vi presento questa ricetta che ho sperimentato al corso.
Ingredienti:per la pasta,farina di semola gr250,farina"00"50gr,1 uovo,sale ed acqua qb.
per il ripieno di ricotta:ricotta di pecora fresca,ricotta infornata grattuggiata,un uovo,sale pepe ed un trito di erbette.
per ripieno di pera:Pere Abate,burro,sale,pepe.
Cominciate imastando gli ingredienti per i ravioli,e ottenuto un impasto omogeneo mettete in frigo a riposare.
Tirate la sfoglia(se avete la macchinetta risparmierete un bel po di fatica e di tempo)
Essendo molto stanco ho avuto bisogno di forze fresche per stendere la sfoglia.
Per il ripieno di ricotta basterà amalgamare gli ingredienti  in una ciotola e d aggiustare di sapidità.
per il ripieno di pere saltare le in padelle con burro,aggiustare di sale e pepe e frullate al mini pimer.


Tgliare la sfoglia a quadratini posizionere i due ripieni a distanza di 2 cm circa,bagnare i bordi della pasta e ripiegarla pressando con le dita a chiudere lo spazio centrale.
chiudere i bordi con i rebbi della forchetta.
Per finire io consiglio Burro e salvia o burro e rosmarino,ma se volete esagerare potere preparsare un pesto di noci,frullando al mixer le noci i pinoli,due fette di pane ammollate nel latte,parmigiano,sale e pepe,e olio d'oliva a filo.
far cuocere la pasta per 4 minuti circa da quando affiora e finire in padella con il condimento prescelto.

 

lunedì 12 dicembre 2011

Filetto alla Wellington (mia rivisitazione per il 100° post)


E cento!!!sebra ieri quando ho postato la prima ricetta(tra l'altro la più cliccata in assoluto) i Mustazzoli,per festeggiare questo traguardo proponga la mia versione(semplificata nei sapori9 di questo classico della cucina internazionale tanto in voga negli anni ottanta,come al solito ne ho realizzato una mia interpretazione,ho eliminato la senape,e ho usato i porcini secchi al posto degli champignon per la salsa e ovviamente non li ho sfumati con il brandy e cosa simpatica ho avvolto la carne in una frittella alle erbe.

Ingredienti:Filetto tagliato spesso,pasta sfoglia,funghi(la ricetta prevede gli champignon) io ho messo i porcini silani secchi,Prosciutto crudo.
Per le frittelle:2 uova,150 gr di farina "00",latte,sale erbette aromatiche a piacere.
burro,pepe,sale,tuorlo d'uovo per spnennelare.

In una padella calda,con del burro chiarificato,scottare il filetto( precedentemente legato in modo tale da farlo rimanere in forma) su entambe i lati,la cottura serve solo a sigillare la carne evitando che ne fuoriescano i succhi,questa è una fase importantissima e delicata,la carne deve rimanere mooolto al sangue perche poi andrà in forno,importante non bucarla mai,meglio maneggiarla con delle pinze.

Il filetto ha bisogno di raffreddare prima di essere lavorato,va dunque lasciato a riposare in un piatto mentre si prepara la pastella.
La pastella va realizzata a mo di crepes aggiungendo erbe aromatiche a piacere,l'erba cipollina rappresenta un'ottima idea.
Per la preparazione,si sbatte l'uovo,si aggiunge la farina in una volta sepre mescolando energicamente,e si aggiunge il latte a filo,in fine si sale a si aggiunge il trito di erbette,siamo pronti a crare dei dischi usando una padella antiaderente leggermente unta con del burro.


Per la salsa di funghi,fate andare della cipolla finemente tritata in padella con olio caldo,aggiungendo l'acqua di ammollo(mia variante) dei funghi secchi.


Aggiungere i funghi e continuare a stufare con la loro acqua.
Qunado la salsa sarà pronta e fredda,disporre tre strati di pellicola sul tavolo,adagiarvi la frittella,poi la fetta di prosciutto e la salsa di funghi.
 Adagiare in fine il filetto e chiudere come un fagottino,aiutandosi con la pellicola,unire i quattro lati incrociandoli.chiudere il  più stretto possibile e mettere in frigo per un'ora.
Per la crosta esterna,lavorare la pasta sfoglia con il matterello,con l'aiuto di un piatto ritagliare dei dischi delle dimensioni idonee a contenere il fagottino.
Uscire il fagottino dal frigo,adagiarlo al centro del disco,spennellare con il tuorlo d'uovo,richiuderlo,e intagliare la faccia superiore con uno spelucchino,servirà per evitare che la pasta cresca in cottura,spenellare nuovamente con il tuorlo,chiudere con la pellicola e mettere in frigo per un'ora almeno.
La spennellatura andrebbe ripetuta per 3 volte a distanza di un'ora,ma crdo che possiate risparmiarvela.
per finire infornate a 180° per 12 - 15 minuti per una cottura al sangue.
per guarnire ho usato dei pomodorini confit...che spettacolo!!