mercoledì 10 novembre 2010

Un'occasione speciale..


Ci sono molti modi di manifestare agli altri la propria felicità,uno di questi è condividere con le persone care questi momenti.Ovviamente io non conosco modo migliore di una cenetta intima tra amici...tutto questo però mi è costato parecchia fatica e sudore!
Il Menù prevedeva: Tagliatelle ai funghi porcini,sformato di broccoli e patate con salsiccia,vellutata di zucca e per finire Savarin al the alla pesca,accompagnato da una crema chantilly alla vaniglia.
La sera prima della cena,a casa di mio padre(il qualeoltre ad avere una cucina spaziosa,ha anche un forno che prevede la possibilita di impostare la temperatura) ho preparato lo sformato e il savarin.
Procedimento: sbollentare per 30 minuti 8 patate di medie dimensioni in acqua salata,lavare e pulire i broccoli  1,5 kg circa e sbollentarli (non eccessivamente).
Sbucciare le patate ed unirle ai broccoli in una ciotola,aggiungere due uova,un pò di parmiggiano,noce moscata,sale pepe ed un filo d'olio d'oliva



 Imburrare e cospargere di pangrattato una forma di alluminio.versare il contenuto
 ed infornare nel forno preriscaldato a 190 g° per circa 30 minuti .

Per il savarin,è necessaria la planetaria con la foglia per avere un impasto omogeneo,io al mio solito ho impastato con le mani ed il risultato è stato tutt'altro che soddisfacente..
Gli ingredienti sono: 400gr di farina per torte,25 gr di lievito di birra in polvere,burro 160 gr ,zucchero semolato 40gr,8gr sale.
Dopo l'impasto lasciare lievitare in luogo caldo fino a raddoppiare il volume.
Infornare a 180 g° per 20 minuti

togliere dallo stampo e fare raffreddare

Il lavoro è stato ultimato alle 23:30
Il giorno seguente ero in trepidazionesia per il reperimento degli ingredienti,(sono un pò maniaco per la qualità degli alimenti),sia per il poco tempo a disposizione per la preparazione di tutte le portare.
.
 Alle 17 :15 circa mi sono messo nuovamente in cucina,questa volta nella mia cucina,che intanto si è arricchita di un ripiano in faggio che mi è stato utilissimo

Partiamo dalla prima portata,le tagliatella ai funghi.
Ingredienti : farina "00" 600 gr ,semola 200  uova 8 un pizzico di sale ed un goccio di olio d'oliva.

 Fate la classica fontana,incorporando man mano la farina,
 impastate fino ad ottenere un impasto liscio,coprite con pellicola e mettete a riposare


 stendete con un mattarello fino a quando non entrerà più nel minuscolo piano di lavoro(che per inciso puzza ancora di uovo,con buona pace di Marianna..) quindi tagliate la sfoglia in eccesso,infarinate,piegate e mettete da parte,lavorando un pezzo alla volta
 Cercate di ottenere dei rettangoli (più o meno..)
Tagliate dei rettangoli della lunghezza che desiderate raggiungere,arrotolate o piegate(l'ho visto fare in entrambe i modi) e tagliate con un coltello ben affilato della larghezza desiderata




 Disponete su un vassoio,possibilmente non ammassandoli come ho fatto io,che di spazio ne ho pochino, è importante infarinare il tutto.
Il contorno di funghi è abbastanza semplice,ammollate i funghi secchi per alcune ore,tagliate quelli freschi a piacere,fate un soffritto di olio e aglio(io preferisco cosi ma c'è chi utilizza il burro e la cipolla,ritengo sia una questione di gusto personale) aggiungete i funghi freschi e fateli rosolare,bagnate con vino bianco,fate evaporare e d aggiungete i funghi secchi con il brodo filtrato,scottate le tagliatelle scolatele ed unitele al condimento saltando in padella con prezzemolo, peperoncino a piacere aggiungete un pò di burro .

 il risultato è questo,la qualità della foto non è il massimo ma data la concitazione del momento non potevo cucinare e fotografare,anzi ringrazio l'amico Enzo che con il cellulare ha scattato alcune foto

La vellutata di zucca rappresenta un piatto dal sapore fresco con il quale ravvivare un pò il palato dopo dei sapori molto rustici.
Ingredienti 2,4 kg di zucca tagliata a dadini,un pezzo di zenzero fresco sbucciato,burro,sale, pepe,acqua e il vino bianco di mia iniziativa,cipolla ed aglio,la ricetta che ho trovato su un periodico prevedeva il succo di arancia ,ma francamente dopo una prova ho deciso di eliminare quest'ultimo ingrediente

 lo zenzero appena sbucciato
Fate soffrigere burro con cipolla ed aglio,aggiungete lo zenzero e la zucca tagliata a cubetti,fate rosolare sfumare con il vino bianco,  allungate con abbondante acqua e lasciate andare a fiamma bassa per 20 minuti

non vi resta che frullare il tutto,io ho messo il mixer ad immersione direttamente nella pentola
video

La vellutata è pronta,io l'ho servita in ciotole rustiche accompagnata ad una macinata di pepe e panna acida.

Il secondo è costituito dallo sformato di broccoli e patate preparato la sera prima ,accompata da salsiccia saltata .
Passo 1° scottare spellare e ridurre a tocchetti i pomodori "Pixel"
 Fare un soffritto con olio  aglio e rosmarino,e mettere la salsiccia
 Sfumare con il vino bianco,lasciare evaporare,aggiungere i pomodori e lasciare andare giusto qualche minuto,in fine salare,pepare,un pizzico di peperoncino ed il gioco è fatto.
 Riempire il buco delle ciambella..
 e servire..


Preparazione della bagna al the alla pesca:
The alla pesca 2 bustine,succo di frutta alla pesca 350 ml,Zucchero liquido 350 ml,cannella il stecche pochi grammi,scorza di limone.
 Versare l'intingolo in una casseruola e portare a 75g° ,poi lasciare raffreddare
 ed immergere la ciambella irrorandola con n cucchiaio(per la cronaca non si è inzuppata per niente)
poi è stata la volta della gelatina(anzia le volte vist che la prima sembrava cera..)

Crema chantilly alla vaniglia:Latte 400 ml tuorli 150 gr zucchero 150 gr amido di mais 15 gr amido di riso 15 gr scorza di limone e mezza bacca di vaniglia
Montare zucchero,e tuorlicon la vaniglia

Mettere il latte su una pentola,con il baccello di vaniglia
unite il latte caldo alla montata,rimettete sul fuoco per due minuti mescolando continuamente con una frusta,non appena si sarà coagulata,raffreddate subito su una bagnomaria di acqua e ghiaccio,successivamente unite la panna montata con lo zucchero per completare la chantilly




in fine guarnite e decorate con la frutta,spolverando con lo zucchero a velo per completare.









Alla fine però credo ne sia valsa abbondantemente la pena!

Nessun commento:

Posta un commento