lunedì 7 febbraio 2011

Affilatura e cautele nell'uso dei coltelli

Rovistando in un cassetto a casa di Nonna Pina ho trovato questa vecchia Mannaia,naturalmente mi sono offerto di affilarla per riportarla agli antichi splendori.
per prima cosa ho messo le pietre affilatura in acqua per 15 minuti

La pietra marrone ha due grane differenti,280 per l'affilatura grossa e 400 per la finitura.

Riposta la pietra nel suo alloggiamento ho cominciato con la sgrossatura procedendo con la mannaia 8ma questo vale per i coltelli in genere) a 45° dalla linea della pietra.Il grado di inclinazione per i coltelli europei,si misura ponendo sulla pietra tre monetine.


Si procede andando avanti e indietro e mantenendo bagnata la pietra,avendo cura di non rimuovere la pasta che si forma con lo sfregamento.Dall'altro lato si procede in maniera opposta.

Finita la sgrossatura si gira la pietra e si ripete l'operazione con la grana più fine,volendo si possono utilizzare pietre con grana più fine per specchiare la superficie.
Per dimostrare la riuscita del processo di affilatura ho ben pensato di saggiare il filo,ed il risultato è nella foto in apertura.
Questo ci ricorda come la cautela nel maneggiare i coltelli affilati è d'obbligo,e che un attimo di distrazione potrebbe comportare guai abbastanza gravi.

2 commenti:

  1. Ciao Alberto,
    Vedo che sei bravissimo ad affilare coltelli! quel rudere ora è proprio tagliente a giudicare dal tuo dito....
    Grazie della visita, ciao a presto!

    RispondiElimina
  2. inizialmente volevo affilarla con in flex :-)

    RispondiElimina