mercoledì 30 marzo 2011

Risu cu l'Asparagi Sarbatici(Riso con gli asparagi selvatici)


Passeggiando vicino al mio orto,ho avuto una piacevole sorpresa,delgi splendidi Asparagi spontanei erano sbocciati proprio sotto i miei piedi.Ho colto subito l'occasione per elaborare una ricetta che avevo selezionato dal "Libro d'ora della cucina e dei vini Siciliani"

Ingredienti: 600 gr di asparagi spontanei,400gr di riso vialone(avevo il Carnaroli e ho usato quello),concentrato di pomodoro,vino rosso qb,olio,aglio(ho messo cipollotto erroneamente)sale,pepe.

Preparazione:Lavare e tagliare le punte degli asparagi,tritare a coltello il resto del gambo.In una padella con olio e aglio(che andrà eliminato) soffriggere le punte degli asparagi,aggiungere in concentrato di pomodoro,sfumare con vino rosso e lasciare ammorbidire le punte.
Portare a bollore in una pentola capiente,acqua salata,immergere i gambi minuzzati e fare ammorbidire per 10 minuti,aggiungere il riso e scottarlo al dente.

Passare alla mantecatura unendo il riso al soffritto,aggiungendo una noce di burro per rendere cremoso il piatto.

venerdì 25 marzo 2011

Parliamo di germogli

La mia ultima mania è quella dell'agricoltura biologica,da li alla coltura dei germogli il passo è stato brevissimo,il procedimento è semplicissimo,su ebay ho comprato un germogliatore(ad un terzo del suo prezzo di listino) elettrico che una volta azionato mette a bagno i germogli ogni due ore rendendo la coltura molto meno impegnativa,

inoltre ho comprato una fornitura di germogli di tutte le varietà,per provar ho scelto Erba medica(alfa alfa) e ravanello sangro.
basta tenere in germogli a bagno per alcune ore,e poi inserirli all'interno del germogliatore,ed aspettare il tempo indicato sulla confezione(da 4 a 10 giorni in base alla varietà) cambiando l'acqua ogni giorno.

Dopo 48 ore i germogli sono già "Germogliati" ( scusate il gioco di parole)
alla fine si presentano più sotto questa forma,si possono impiegare crudi o cotti(solo alcune varietà) e oltre ad avere elevati valori nutritivi,hanno anche un gusto accattivante,si posso preparere delle sfiziose insalate come questa con cavolo verza,pomodorini,sedano e salmone affumicato.

lunedì 21 marzo 2011

BACCALAU JANCU A SFINCIUNI (Baccalà in bianco "a sfincione")

Ingredienti per 6 persone:1,2 kg di baccalà ben ammollato,600 gr di patate;200gr di cipolla;150gr di pangrattato;2 spicchi d'aglio;prezzemolo,origano;semi di finocchio selvatico;succo di 1 limone;oli;sale;pepe.


Riporto dal testo:"Il baccalà è il merluzzo salato in barile,aperto a libro e conserva ancola la spina centrale.Quando è ben ammollato in acqua fresca corrente,bisognerà toglierlo e poi ridurlo in pezzi piccoli.








Questi vanno disposti in una teglia umettata d'olio(per apportare una mia variante ho tuilizzato dei coppapasta di forme diverse):coprire il pesce con un sottile strato di cipolla,patate a tocchetti,pan grattato,semi di finocchietto,aglio e prezzemolo tritati,origano,olio,sale e pepe.







Passare un filo d'olio e mandare in forno per la cottura,dopo avere spremuto il succo di un limone.
Personalmente preferisco spremere il limone a fine cottura.





lunedì 14 marzo 2011

MIRUZZU A PALERMITANA (Nasello alla Palermitana)

Ingredienti per 6 persone : 1 nasello(merluzzo) di circa 1,5kg; Rosmarino; 4 grosse sarde salate; 80gr di pangrattato;1/2 limone;olio;sale;pepe.

(Nota dell'autore cioè Io)Il merluzzo è un pesce molto diffuso nei mari del nord,tuttavia in una secca al largo di Riposto si pesca un suo stretto parente detto "Sapunedda" l'alternativa è utilizzare un pesce che vive e si riproduce nei banchi dei centri surgelati di tutto il mondo è proprio a quest'ultima categoria che appartiene il pesce che ho cucinato...lo so abito a 3 metri dalla battigia e cucini il pesce surgelato?vi posso garantire che è un alimento comodo da conservare e facile da cucinare quando non si ha tempo di fare la spesa,e questo è un modo diverso di cucinarlo.
 
Riporto dal testo:"Pulito il pesce,bagnarlo dentro e fuori con olio sbattuto con sale e pepe e coprirlo di pangrattato.

Pulire e diliscare le sarde salate e farle "squagghiari" nell'olio badando che non si abbrustoliscano(personalmente ho utilizzato le alici sott'olio).Spalmare questa salsetta mista al rosmarino,sul nesello e gratinarlo al forno con doppio fuoco.





Condire con un filo di olio a crudo e spremere mezzo limone.

mercoledì 9 marzo 2011

CARCIOFFULI A LASSIMI STARI (Carciofi a lasciami stare)

INGREDIENTI PER 6 PERSONE: 6 grossi e teneri carciofi; 100gr di pangrattato appena tostato in padella;
100gr di parmigiano; 1 grossa cipolla; prezzemolo,olio,sale,pepe

Riporto dal testo:!E' questa una ricetta tratta da Cucina Vegetariana e naturismo cruso del Duca di Salaparuta(1879-1946),uno di quei nobili siciliani veramente illuminati,spirituale"Gattopardo" dedito alla teosofia..."

"...Dopo ben spuntati e puliti,tagliateli a fettine di mezzo centimetro."


"Mettete un pò d'olio in un tegame ed impostatevi uno strato di tali fette,spolveratevi sopra del pangrattato mescolato in metà con parmigiano e sale,pepe,prezzemolo e cipolla tratata.Fate cosi 4 o 5 strati avendo cura di spargere un pò d'olio su ogni strato."
"Cuocete per tre quarti d'ora con fuoco sotto e sopra lasciandoli stare senza neanche guardarli"
questa frase suscita due riflessioni:1 fuoco sotto e sopra?io presumo che il forno acceso sotto e sopra sia la cosa che si avvicina di più al concetto di fuoco sotto e sopra.Ho utilizzato un fonetto elettrico  e li ho cotti per 35-40 minuti a 220° circa
la seconda riguarda la frase senza nenche guardarli dalla quale presumo dipenda il nome della ricetta "lassimi stari"
Quell che è sicuro è che sono deliziosi!!!